Drone-Privacy-Laws-World

Mappa Utilizzo droni nel mondo

La mappa che analizza l’utilizzo dei droni in tutti i paesi del mondo.

Non in tutto il mondo puoi pilotare un drone, questa mappa lo rivela paese per paese.

Around The World

Parlando di legislazione che riguarda il volo dei droni , qualche anno fa sarebbe sembrato qualcosa di un altro pianeta. Tuttavia, il loro utilizzo si sta espandendo a passi da gigante e metterli a volare non significa lo stesso in tutti i paesi del mondo.

Questa mappa rivela come possono essere utilizzati in ciascuno di essi e come affrontano uno dei loro maggiori problemi: la privacy dei cittadini .

Come siamo abituati, di fronte al progresso della tecnologia , sorge sempre una dualità che ci fa discutere fino a che punto possiamo sfruttarla.

Molti di noi pensano ai droni come a un modo per consegnare pacchi in futuro, una struttura per svolgere ricerche o semplicemente per ottenere immagini sorprendenti , nel più puro senso estetico.

Tuttavia, insieme a questo elenco di vantaggi, c’è uno degli svantaggi più preoccupanti oggi: la nostra privacy .

Un drone può registrare immagini in 4k e, se il regolamento del suo utilizzo è inesistente, nessuno impedisce al suo proprietario di apparire nella tua finestra senza permesso.

 

Il primo test di volo del drone fu nel 1917, nel Regno Unito.©Surfshark
Il primo test di volo del drone fu nel 1917, nel Regno Unito.©Surfshark

LE REGOLE SBAGLIATE

In questo modo, Surfshark , una popolare VPN ( Virtual Private Network )  che ci consente di crittografare i nostri dati e mantenere la nostra sicurezza digitale, ha creato una mappa che abbatte le misure e gli standard applicati in ogni paese per l’uso dei droni. I risultati non sono lontani da un episodio di Black Mirror .

Il team ha analizzato più di 200 paesi in tutto il mondo con un obiettivo chiaro, per supportare la necessità di una legislazione internazionale che ne regola l’utilizzo . Sebbene ci siano almeno 143 paesi che hanno già varato qualche tipo di legge, nella maggior parte dei casi coprono ciò che è correlato al modo in cui viene utilizzato, non gli aspetti relativi alla privacy personale.

Per fare questo, hanno diviso la regolamentazione di ogni paese in sette categorie . Da un lato, ci sono quelli che si basano sul divieto, totale (rosso) o in modo efficace (arancione). All’estremo opposto ci sono quelli senza restrizioni (azzurro), nel caso in cui non sia vicino a proprietà private o aeroporti; e quelli che non hanno nemmeno leggi che fanno appello ai dispositivi (grigio).

 

Solo negli Stati Uniti ci sono 1,7 milioni di droni registrati. © Surfshark
Solo negli Stati Uniti ci sono 1,7 milioni di droni registrati. © Surfshark

Al centro ci sono quelli che tengono conto del campo visivo in modo sperimentale (blu scuro), cioè possono uscirne solo se si tratta di un’indagine.

 

Anche quelli in cui il drone deve rimanere sempre all’interno di questo campo visivo (giallo).

 

E infine, dove si applicano restrizioni (viola) come la necessità di una licenza, osservatori aggiuntivi, ecc.

 

DA UN SITO A UN ALTRO

È quando entriamo uno ad uno nei continenti, il momento in cui ci rendiamo conto che le regole sono particolarmente disparate .

In altre parole, la nostra privacy sarà più o meno protetta a seconda di dove viviamo. L’Europa, ad esempio, è uno dei luoghi con le restrizioni più rilassate .

Sebbene ci siano alcune misure di identificazione, come l’obbligo dei piloti di indossare un indumento specifico in Lettonia, o l’ ottenimento di una licenza a seconda del peso del drone in Austria, la verità è che il 27% dei paesi non ha alcuna restrizione.

La Slovenia è l’unico paese con un divieto assoluto di utilizzo.

In Nord America, il 33% dei suoi paesi è autorizzato a pilotare droni sperimentali oltre il campo visivo del pilota.

Da Surfshark, probabilmente attribuiscono questa tendenza al gran numero di aziende tecnologiche , come Amazon, Walmart e DHL, che utilizzano questi dispositivi nelle loro indagini per poterli utilizzare nelle loro consegne.

Il suo buon utilizzo è dimostrato anche in altre aree, come in Messico, dove un singolo drone ha ottenuto 500 arresti nella città di Ensenada e ha ridotto il tasso di criminalità del 10% .

Forse è in Sud America dove l’uso dei droni ha un carico più potente in termini di impegno sociale. Lì, il 67% dei paesi consente il volo, ma senza che il pilota lo perda di vista .

Le sue restrizioni guardano anche all’ambiente , ed è per questo che in Perù il suo utilizzo non può durare più di un’ora, o addirittura è totalmente vietato in luoghi come le Isole Galapagos.

Inoltre, sfruttano i suoi vantaggi in modo tale che le tribù amazzoniche del Brasile li utilizzano per monitorare la deforestazione .

Oppure ci sono anche aziende tecnologiche che li utilizzano per fornire materiali sanitari o giubbotti di salvataggio in caso di soccorso in acqua, per persone intrappolate.

 

Per pilotare un drone che pesa più di due chili in Indonesia, devi avere almeno 20 anni. © Surfshark
Per pilotare un drone che pesa più di due chili in Indonesia, devi avere almeno 20 anni. © Surfshark

Il Medio Oriente e l’Asia centrale sono i luoghi in cui vengono stabiliti gli standard più elevati.

Il 21% dei loro paesi mantiene un divieto assoluto .

Il resto è disputato tra divieti effettivi, che costituiscono il 15% dei paesi, ma anche con normative più rilassate, come in Giappone, che aspira a poter far volare i droni fuori dal campo visivo .

Questo requisito negli standard dell’Est e dell’Asia contrasta, tuttavia, con fatti come il fatto che la Cina è il più grande produttore di droni .

O paesi come l’Iran, in cui il suo uso pubblico è assolutamente vietato, ma sono stati i pionieri nell’utilizzo di droni militari armati .

In Malesia, ad esempio, è stato utilizzato per un altro scopo: controllare la diffusione del coronavirus .

Nel frattempo, nel resto dell’Asia e dell’Oceania, difficilmente hanno una legislazione che accolga l’uso dei droni (56% dei paesi).

Nonostante ciò, luoghi come la Nuova Zelanda hanno reso di moda il turismo con i droni .

In questo caso si tratta soprattutto dell’aspetto estetico, tenendo conto che è uno dei paesi con i paesaggi più belli del mondo.

 

In Ruanda, la consegna di forniture mediche tramite droni è stata ridotta da 4 ore a 20 minuti. © Surfshark
In Ruanda, la consegna di forniture mediche tramite droni è stata ridotta da 4 ore a 20 minuti. © Surfshark

In Africa , più della metà dei suoi paesi non dispone di normative specifiche .

Tuttavia, sebbene nella zona precedente non ci siano luoghi con divieti assoluti o effettivi, in Africa il 21% ha un divieto totale e il 13% ne ha uno effettivo .

Qui sostengono anche un buon uso, in paesi come il Ghana o il Ruanda , dove usano i droni per consegnare forniture mediche nei piccoli villaggi .

In Ghana, infatti, far volare uno di questi dispositivi senza patente può costare fino a 30 anni di carcere .

Ciò che si intende mostrare su questa mappa è che, nonostante il fatto che possedere un drone sia sempre più comune, le leggi sono ancora molto diverse .

È sorprendente come possano discernere in questo modo da un paese all’altro. Una cosa deve essere chiara, poiché il bene della tecnologia avanza, dobbiamo sapere come fermare il male che può causare .

Press:María Ángeles Cano